-->

Progetto di un nuovo insediamento di Edilizia residenziale in via Giambellino: vogliamo saperne di più!

Di fianco alla parocchia san Curato d'Ars, in un'area abbandonata da anni all'incuria, sorgerà un nuovo complesso di Edilizia Residenziale pubblica a canone moderato e convenzionato speciale.
Il progetto non è stato proposto in Consiglio di Zona e rischia di passare sopra la testa dei cittadini interessando un area sulla quale erano stati fatti parecchi progetti.
Ricordiamo tra tuti la struttura sportiva della società sportiva Victor, mai decollata, per colpa della burocrazia e della cattiva volontà degli amministratori.
Di seguito il testo di una mozione che ho presentato in Consiglio di Zona.

  • Con D.G.R. in data 16.4.2004 n. 7/17176 – rettificata con D.G.R. in data 23.4.2004 n. 7/17266 (Allegato B) – la Regione Lombardia ha promosso l’ulteriore fase del P.R.E.R.P. relativa all’avvio dei Programmi regionali per l’edilizia residenziale sociale (P.R.E.R.S.), mettendo a disposizione dei Comuni risorse pari a complessivi € 242.285.000, destinate ad attivare iniziative volte a dar risposta ai bisogni dell’area del disagio diffuso e dell’area della difficoltà.
  • In particolare, con il citato provvedimento, la Regione ha approvato: l’Invito a presentare proposte per il Programma regionale case a canone moderato per la cui attuazione sono messe a disposizione dei Comuni risorse finanziarie per complessivi € 212.285.000,00, destinati al cofinanziamento di interventi di acquisto, recupero e nuova edificazione di alloggi da locare al canone moderato di cui all’art. 32 del Regolamento regionale approvato in data 10.2.2004 n. 1.
  • A fine settembre u. s. sono stati proclamati i vincitori del concorso internazionale bandito dal comune di Milano che prevedeva la redazione del progetto preliminare per la realizzazione di un nuovo quartiere destinato all’edilizia residenziale sociale in via Giambellino.
  • Il vincitore del concorso, l’arch. Andrea Sechi, riceverà 50,000,00 € di premio quale anticipazione del compenso professionale dovuto per la progettazione preliminare. Successivamente gli verrà affidato l’incarico della progettazione definitiva ed esecutiva. I progettisti vincitori si dovranno coordinare con l’apposita commissione scientifica costituita dai redattori del Master plan e con l’amministrazione comunale. L’ente banditore si riserva di apportare modifiche ai progetti vincitori e prevede un indennizzo nel caso non si proceda al conferimento dell’incarico anche un indennizzo di 25.000,00 € al progettista. Questo intervento sarà realizzato attraverso un P.I.I. tenendo in riferimento la delibera quadro con le modifiche apportate.
  • L’area è stata oggetto di una delibera del Consiglio di Zna 6 del marzo 2003 nella quel si chiedeva di utilizzare l’area per creare un parcheggio pertinenziale e verde, parcheggi a raso, un’area a verde e un’area attrezzata per lo svolgimento dell’attività sportiva;
  • Parte dell’area è destinata a Sc e parte vincolata dal Prg, per la viabilità di comunicazione interquartiere, prevedendo uno scavalco del Naviglio e della ferrovia che colleghi Largo Gelsomini e Piazza Negrelli;
  • Parte dell’area confinante con la via Giambellino gia ceduta dalla ditta Gnocchi al Comune di Milano mediante convenzione nel maggio 1956, è stata concessa in uso precario, alla stessa ditta per farne parcheggio a raso clienti.

I sottoscritti consiglieri chiedono:

1. che il progetto vincitore venga presentato al più presto in Consiglio di Zona 6 e alla cittadinanza;
2. che il Consiglio di Zona 6 sia coinvolto nella stesura del Piano Integrato di Intervento che verrà predisposto.

Nessun commento: