-->

Scuole civiche: sancito dal Tar il fallimento della politica improvvisata e autoritaria dell'assessore Moioli

Nel giro di sette giorni sono state annullate le decisioni dell’Assessore Moioli di chiudere i licei serali e l’Istituto Professionale per l’Industria e l’Artigianato. Decisioni comunicate a fine luglio in Giunta e a fine agosto alle famiglie, senza che esse fossero condivise con il Consiglio comunale, organo che aveva la titolarità piena per prendere tali decisioni. C’è voluto un ricorso al Tar e l’ordinanza, prima di sospensiva e annullamento delle decisioni prese dall’Amministrazione. E quindi di nomina di un commissario ad acta che, di fatto, sostituirà l’Assessore e potrà disporre anche della facoltà di spostare voci di bilancio, senza avere il beneplacito, né del Sindaco, né tantomeno dell’Assessore al Bilancio.

È, di fatto clamorosa la scelta del Tribunale Amministrativo. Eppure sembra passi sotto silenzio.

Pensare che da ottobre l’Assessorato si era dotato pure di una prestigiosa consulenza: il prof. Lupacchino ex direttore dell’Ufficio scolastico provinciale andato in pensione da alcune settimane.

E aveva deciso di predisporre nuove determina per assecondare le richieste del Tar. Niente. Li hanno commissariati. Esautorati.

Ora le scuole riapriranno e si dovrà correre per fare in modo che gli studenti riescano a fare i 200 giorni annuali previsti di insegnamento per essere ammessi.

Sulla bocca di tutti c’era questa magica parola: razionalizzazione. Razionalizzazione che di fatto passava sopra il percorso formativo intrapreso da molti studenti lavoratori.

Ma se di razionalizzazione si trattava mi può dire l’assessore come sono stati utilizzati in questi mesi i docenti delle scuole civiche chiuse ? Quanto ci è costata la causa? E se le famiglie, tutte le 180 famiglie danneggiate dalle scelte, ripetiamo, improvvisate e autoritarie, dell’assessore Moioli, decidessero di fare causa al Comune per i danni subiti? Chi si assumerà la responsabilità politica di questo esemplare percorso di razionalizzazione delle risorse pubbliche?

Nessun commento: