-->

6 luglio 2012

Bene la scelta di Expo 2015 S.p.A. Ora grande attenzione a chi gestirà i servizi e a chi eseguirà i lavori per le nuove linee del metrò

La revoca da parte di Expo S.p.A. dell'autorizzazione al subappalto nei confronti di Elios S.r.l. è scelta che dà un segnale importante a chi vorrà lavorare per Expo da qui al 2015.
Elios è indagata in Piemonte per traffico illecito di rifiuti. 
I tentativi di infiltrazione mafiosa si desumono dai reati previsti dall’articolo 51 comma 3 bis del cpp, tra i quali c’è anche il traffico illecito di rifiuti. 
Se fosse stata sottoposta a misura cautelare (sequestro) per quel reato, o nel momento in cui sia rinviata a giudizio o condannata in primo grado, il tentativo di infiltrazione risulterebbe in automatico (senza l'imputazione specifica di associazione) e la certificazione antimafia ritirata. La Prefettura avrebbe quindi potuto aspettare il rinvio a giudizio per il reato per cui Elios è indagata, oppure, come ha fatto, ha inviato a Expo 2015 una informativa atipica in cui si segnalano i rischi, anche se non ancora certi, rimettendo a chi ha autorizzato il subappalto la decisione..

Bene quindi ha fatto Expo spa a dare un segnale inequivocabile.
Ora bisogna porre grande attenzione anche a chi gestirà i servizi per l'evento e sollecitare la sottoscrizione del Protocollo di legalità anche per la realizzazione della linea MM4 e per la seconda tratta di MM 5.
Ancora oggi abbiamo avuto conferma che il protocollo, immaginato per le due opere, nonostante i lavori per MM 5 siano iniziati due anni fa e quelli della linea 4 da aprile, non è mai stato firmato.
Redatto da tempo è attualmente bloccato presso il Ministero dell'Interno.
Proprio venerdì, nel tardo pomeriggio mi è giunta comunicazione da MM che il Protocollo di Legalità sottoscritto il 17 febbraio 2012 per la rimozione delle interferenze sul sito Expo verrà applicato anche per i lavori delle nuove linee del metrò.
Ora verranno assegnati i lavori per la costruzione della piastra. Il padre di tutti gli appalti per il sito.


Nessun commento: