-->

8 gennaio 2009

Non si può rimanere a guardare!

Acli, Arci, Cgil, Legambiente sulla base dell'appello nazionale "non si può rimanere a guardare", promuovono un presidio-fiaccolata per venerdì 9 gennaio 2009 in p.za Duomo dalle 18,30. Invitano tutte le organizzazioni a farsi copromotrici dell'iniziativa, invitano tutte e tutti a partecipare. 
Per adesioni: segreteria@aclimilano.com - milano@arci.it 

C´è un modo per evitare il massacro di civili. 
C´è un modo per salvare il popolo palestinese. 
C´è un modo per garantire la sicurezza di Israele e del suo popolo. 
C´è un modo per dare una possibilità alla pace in Medio Oriente. 
C´è un modo per non arrendersi alla legge del più forte e affermare il diritto internazionale:

  1. CESSATE IL FUOCO IN TUTTA L´AREA;
  2. RITIRO IMMEDIATO DELLE TRUPPE ISRAELIANE;
  3. FINE DELL´ASSEDIO DI GAZA;
  4. PROTEZIONE UMANITARIA INTERNAZIONALE.
Facciamo appello a chi ha responsabilità politiche e a chi sente il dovere civile perché sia rotto il silenzio e si agisca. 
Le Nazioni Unite e l´Unione Europea escano dall´immobilismo e si attivino per imporre il pieno rispetto del diritto internazionale.
L´Italia democratica faccia la sua parte.
Le nostre organizzazioni si impegnano, insieme a chi lo vorrà, per raccogliere e dare voce alla coscienza civile del nostro paese.

ACLI, ARCI, LEGAMBIENTE, CGIL, AUSER, LIBERA, RETE LILLIPUT, Associazione ONG Italiane - Piattaforma Medio Oriente, Fondazione Angelo Frammartino, Beati i Costruttori di Pace, FIOM, CGIL Funzione Pubblica, Un ponte per..., AIAB, CIES, GRUPPO ABELE, CIPAX - Centro Interconfessionale per la pace, Donne in Nero, A Sud, FAIR, Fairtrade Italia, Forum Ambientalista, UCODEP, Terres des Hommes International, Armadilla Onlus, SDL Intercategoriale, Tavola Sarda per la pace, Famiglia di Angelo Frammartino, Luigi Ciotti, Flavio Lotti, Luciana Castellina, Giuliana Sgrena, Enzo Mazzi - Isolotto Firenze, Luisa Morgantini, Vittorio Agnoletto, Giovanni Berlinguer, Sergio Staino, tanti gruppi locali, docenti, amministratori locali, pacifisti e pacifiste, cittadini e cittadine....

Nessun commento: