-->
TERZO QUESITO: SUL NUCLEARE “Realizzazione nel territorio nazionale di impianti di produzione di energia nucleare”
Si propone l’abrogazione di una parte del decreto legge recante “Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria” firmato il 25 giugno 2008 e convertito in legge “con modificazioni” il 6 agosto dello stesso anno.
Abrogando questa parte del decreto si blocca la prevista costruzione sul territorio nazionale di quattro impianti di produzione di energia nucleare. Il governo per evitare che venga raggiunto il quorum ha negato l’election day , sperperando così 300 milioni di euro. Poi senza rinunciare al folle programma nucleare si è concesso una “pausa di riflessione” dichiarando: “Deve essere l’Europa a farsi carico di questo problema. Serve una direttiva che fissi dei criteri di sicurezza comuni, a cui tutti dovranno conformarsi. E noi, come gli altri, ci atterremo a quegli standard europei”.
La produzione di energia nucleare per ora è solo rimandata. La legge va abrogata!

Nessun commento: