-->

1 febbraio 2018

Accetto la sfida. Mi candido per il consiglio regionale della Lombardia.

Capisco bene gli sforzi che i miei studenti compiono quando gli chiedo di presentarsi alla classe, dopo essersi candidati per il ruolo di rappresentante.
Per "aiutarli" chiedo loro perché si candidano e perché i loro compagni dovrebbero votarli. Si fidano di me. Ci provano e si espongono. Non è semplice. Il rischio è il fallimento, lo sfottò. La critica perfida.
Ora tocca a me. E capisco. Non è semplice motivare ancora una volta le persone a scegliere. A schierarsi. Eppure proprio oggi questo è fondamentale. In un tempo in cui la politica perde di valore e il disincanto e la spregiudicatezza rappresentano sempre più due categorie utili per affrontarla. Oggi, in un momento in cui i neofascismi tornano prepotenti e le clientele godono di ottima salute.

La frase di Fontana sulla razza bianca, il lapsus, le puntualizzazioni successive sul consenso che quelle parole hanno generato, mi hanno dato una sferzata. Dopo quanto avevo sentito, non potevo stare lì alla finestra, attendendo il 5 marzo, per poi, magari, dire a tutti: ve l'avevo detto. 
E' diventata una sfida. Oltre che a me stesso, a questa destra. Una sfida che ho accettato all'interno di una bella comunità politica, con cui ho costituito il gruppo consiliare e con cui ho condiviso un sogno: unire il centrosinistra segnando una forte discontinuità nelle politiche sul lavoro e di contrasto alla diseguaglianza, di questi ultimi anni. Una comunità politica confluita nella lista Lombardia Progressista Sinistra per Gori e che ha visto in Giuliano Pisapia il maggiore esponente nazionale.

Noi siamo per la scuola pubblica e laica. Siamo per tutelare la sanità pubblica, contro la controriforma che offre ulteriori possibilità per speculare sulla salute dei cittadini lombardi. Siamo per il lavoro e i diritti del lavoro, per il diritto allo studio e per gli investimenti nella formazione professionale di qualità, e al passo con le innovazioni tecnologiche. Per la Lombardia delle opportunità. Senza consumo di suolo. Una Lombardia che si pente amaramente per gli investimenti compiuti negli ultimi anni nel trasporto su gomma.

E infine, non posso non dirvi che sarà un piacere, mettere a disposizione, far fruttare e far crescere, quella competenza nel contrasto agli interessi criminali mafiosi e nella prevenzione della corruzione che ho maturato in questi anni nei quali ho avuto l'onore di presiedere la Commissione Antimafia del Consiglio Comunale di Milano.

E quindi andiamo! Mi auguro assieme a voi. Al vostro fianco e soprattutto, con la vostra fiducia nel cuore!

David Gentili

Se vuoi sostenere la mia campagna elettorale puoi: 
 - inviarmi il tuo messaggio di sostegno, autorizzandomi a renderlo pubblico sul mio sito
 - seguire e promuovere la mia pagina Facebook e pubblicizzare gli incontri tra i tuoi contatti
 - organizzare incontri pubblici sul tuo territorio, per darmi maggiori occasioni di confronto con i cittadini
 - distribuire il materiale elettorale e inoltrare questa mail ai tuoi conoscenti
 - sostenere anche con piccoli contributi le spese: la rendicontazione la trovi aggiornata in diretta sul mio sito
 per contattarmi scrivi a info.davidgentili@gmail.com

1 commento:

Roberto Rivolta ha detto...

Aldilà di tutto, David hai la mia stima (ti conosco da anni) e, quindi, il mio supporto