-->

Fondazione Scuole Civiche: il Consiglio era decaduto, ma gli emolumenti proseguivano

ll Consiglio di Indirizzo della Fondazione Civiche Scuole di Milano è decaduto dal 15 ottobre 2008 e l’Amministrazione comunale non ha alcuna intenzione di avviare un percorso di nomina di un nuovo consiglio.
Tant’è che il Collegio sindacale ha deciso di esigere la restituzione degli emolumenti versati ai Consiglieri successivamente alla data del 15 ottobre.
Un fatto incredibile che fotografa una situazione di caos nella gestione della Fondazione, passata di recente sotto l’influenza dell’assessorato Politiche del Lavoro ed al centro di un gioco di potere per ora sconosciuto.
La Fondazione di Partecipazione riunisce quattro scuole in precedenza gestite direttamente dal Comune di Milano: l'Accademia Internazionale della Musica, la Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori, la Scuola d'Arte Drammatica Paolo Grassi e la Scuola di Cinema, Televisione e Nuovi Media.
Ora siamo in una fase di stallo. Il Direttore Generale è in aspettativa da oramai 5 anni e forse, solamente la fortuna ha voluto che, essendo il Direttore Generale nominato (a tempo indeterminato) all’atto della costituzione della Fondazione Civiche Scuole di Milano, non decadesse anch’esso al 15 ottobre, bloccando di fatto i corsi presenti e futuri.
La Fondazione, tra l'altro, prosegue oramai da anni con una Vice Direttore Generale e quindi ci si chiede se oramai sia proprio necessario che rientri l’ex Direttore Generale in aspettativa e oramai Direttore Centrale del Settore Servizi Civici?
Ciliegina sulla torta di una gestione alquanto complicata e oramai intollerabile, è la sovrapposizione nella Fondazione tra Consiglio di indirizzo e Consiglio di gestione, il primo con funzioni di indirizzo e controllo, il secondo con funzioni legate all’amministrazione ordinaria e straordinaria. Stesse persone, doppio gettone!

Nessun commento: