-->

E' passato Babbo Natale?

E' passato Babbo Natale?
No. Il 23 dicembre è passata la Giunta di Milano!
140 delibere di soli "contributi" elargiti: 9.202.362,42 euro (novemilioniduecentoduemilatrecentosessantadue/42) la cifra stanziata.
Ce n'è per tutti, dall'associazione dei reduci di guerra, al contributo per il progetto di estrazione dell'acqua dolce nell'isola di Nauru, dal Capodanno celtico, al finanziamento per le bande cittadine... e nel mezzo tutti gli altri: associazioni culturali e sportive, militari e internazionali.
Se poi a questi aggiungiamo 2.427.598,60 euro per gli eventi cittadini legati alle festività di Natale e di Capodanno, la Giunta di Milano è riuscita ad impiegare in una sola seduta 11.629.961,02 alla sola voce "contributi".

Come far mancare un contributo di 35.000 euro a 4 giornate di "Shopping sotto le stelle"? e 200.000 euro all'ospedale per piccoli animali?
821.500 a carico del settore Sport: ma la parte del leone l'ha fatta la federazione nuoto, che si è portata a casa ben 600.000 euro...
1.571.107,42 erogati dall'assessorato alla Cultura, ma solamente 15.000 euro sono stati destinati alla "Associazione culturale Sentieri Selvaggi"
5.212.955,00 elargiti direttamente dal Sindaco ... e si che 8.000 euro è riuscita a farli figurare a carico del settore che non spende niente: quello dei Servizi Funebri! Forse aveva sforato con il budget...
Puntualmente vengono erogati i contributi all'Associazione Reduci di Russia, ai Carristi, ai Granatieri, agli Alpini, ai Paracadutisti, all'Aeronautica ... manca la Cavalleria, ma non ce ne siamo dimenticati... il contributo l'aveva già ottenuto, insieme a Finanzieri, Genieri, Artiglieri, Autieri, Ex-Internati, Carabinieri, Combattenti della Guerra di Liberazione, Partigiani...
E in ultimo ... potevamo negare un contributo all'Istituto Nazionale per la Guardia d'Onore alle Reali Tombe del Pantheon?

Una domanda allora sorge lecita e spontanea...
Com'è che vengono tagliati i contributi per gli alunni disabili?
Com'è che non ci sono i soldi per aggiustare gli edifici scolastici?

Forse una riflessione è d'obbligo.

3 commenti:

Pier Francesco Gussoni ha detto...

Assolutamente d'accordo: per tagliare su sanità e cultura, è più facile intervenire danneggiando i più deboli...

Per quanto riguarda il nuoto, la federazione ha competenza nazionale, per cui spero che quei contributi comprendano anche il supporto a Milano Sport, la società che gestisce le piscine milanesi. Conoscendo le difficoltà respiratorie e l'obesità di molti milanesi di tutte le età, "sponsorizzare" le piscine diventerebbe un obbligo sociale che mi sento di condividere!!

emmepidi ha detto...

Ma il tormentone del 2010 non è stato "non ci sono soldi"?.
Certamente, però seguito da "e quindi non si può fare tutto", perciò tutto fila.
Non si può fare tutto ma almeno scelte ponderate e, visto che i soldi ci sono o si trovano, che le scelte fossero un po' più rivolte ai bisogni reali e non alle vaccate del capodanno celtico o lo shopping sotto le stelle o gli immancabili reduci militari!!!

E. ha detto...

mi domando cosa ne pensano i giornalisti milanesi...